When you install WPML and add languages, you will find the flags here to change site language.

Vino, futuri possibili; il secondo rapporto sulla filiera

Vino_Futuri_Possibili_Sole24

Il Sole 24 ore ha presentato il secondo rapporto sulla filiera vitivinicola “Vino. Futuri Possibili” presentato settimana scorsa in collaborazione con l’esperta in tendenze alimentari e sociali Marilena Colussi, l’istituto di ricerche Doxa-Marketing Advice ed il panel HQ24 (high Quality Panel) del Gruppo 24 ORE.
Anche da questo rapporto viene confermata la drastica riduzione dei consumi che passano a 37 litri pro-capite, la metà rispetto agli anni 80.
Emerge perà un profilo del consumatore italiano diverso, che diversifica, nelle tipologie, nei modi e nei luoghi di acquisto e di consumo.
In cresciata i locali e i ristoranti che propongono il vino al calice, in crescita l’acquisto nella GDO ma anche l’acquisto diretto dal produttore o in cantina e via internet, canale che sa proporre in maniera funzionare e semplice prodotti di qualità con formule di acquisto competitive, anche se ancora da sviluppare.

L’e-commerce potrebbe rappresentare uno dei futuri possibili, ma necessita di una strategia digitale capace di integrare lo storytelling con le informazioni pratiche, a partire dalle aziende stesse, molte delle quali hanno ancora poca dimestichezza con la comunicazione digitale, social network inclusi.

Rispetto al futuro, dal dibattito che ha seguito la presentazione dei dati, si è ipotizzato uno scenario che potrebbe vedere la copresenza di “vini bevanda”, più facili da bere perché con una minore gradazione alcoolica, e ‘vini del territorio’, culturali, con una storia da tramandare.
Un secondo elemento chiave su cui puntare potrebbe riguardare l’importanza di innovare anche sul fronte della coltivazione: l’introduzione di nuove varietà di vite resistenti alle malattie consentirebbe di rispondere alla richiesta del pubblico di avere vini “biologici” o, comunque, ottenuti da uve che hanno subito un numero inferiore di trattamenti.
Il rapporto completo è consultabile all’indirizzo http://www.bargiornale.it/vino-2013/0,1254,87_FLP_1660,00.html