When you install WPML and add languages, you will find the flags here to change site language.

A Verona “Arte e vino” per Expo2015

arte e vino_mostra verona_expo2015

Per Expo2015, anche Verona diventa protagonista, grazie ad arte e vino.

A Palazzo della Gran Guardia, da aprile ad agosto 2015, Verona ospiterà uno degli eventi culturali più significativi organizzati fuori Milano: la mostra-evento “Arte e Vino”.

La mostra, curata da Annalisa Scarpa e Nicola Spinosa, con il supporto di un prestigioso comitato scientifico costituito da esperti dei diversi periodi e ambiti artistici, nasce dunque con l‘obiettivo di indagare sotto nuova luce e di valorizzare un soggetto e un tema – il vino appunto – la cui storia antichissima abbraccia le grandi civiltà del passato e ha radici profonde nella tradizione italiana. Un’eccellenza che ha segnato indelebilmente anche la nostra cultura artistica, divenendo soggetto ispiratore di grandi maestri.

È l’occasione per narrare, grazie a testimonianze preziose e capolavori dell’arte di tutti i tempi provenienti dai principali musei e collezioni internazionali, l’approccio dell’artista con questo soggetto, traducendone i mutamenti, le sfaccettature, le simbologie, in un excursus che presenterà opere dall’antichità al Novecento: dalla fertilità del Rinascimento al Settecento seduttivo e mondano, alla vita borghese dell’Ottocento, sino a giungere alle espressioni più moderne o astratte del XX secolo.

Una mostra intensa, emotiva, fatta di colori e sapori che farà vivere l’ebbrezza dell’incontro con capolavori d’arte e grandi artisti, per tratteggiare una storia antica, profondamente legata alla nostra terra, al lavoro e alla creatività dell’uomo.

Dal 4 aprile al 2 agosto 2015 a Palazzo della Gran Guardia si potranno ammirare Giovanni Bellini, Arcimboldo, Luca Giordano, Caravaggio, Guido Reni, Annibale Carracci, ma anche Lucas Cranach, Peter Paul Rubens, Ribera, Nicolas Poussin, Jacob Jordaens; e poi Jacopo Tintoretto, Tiziano, Giulio Carpioni, Sebastiano Ricci, i Bassano, Gerrit van Honthorst, Philippe Mercier, Nicholas Tournier, Goya e, via via, fino a Boccioni, Depero, Guttuso insieme a Manet, Degas, Picasso e Magritte.

0